The Players’ Corner: il capitano Marco Colombo

Scatta oggi una nuova rubrica del nostro sito internet: The Player’s Corner. Siamo andati alla scoperta di aneddoti e curiosità su tutti i nostri giocatori della Serie C Gold. Si parte con il capitolo dedicato a Marco Colombo, biancorosso ormai dal 2005. Capitano della prima squadra, un vero esempio di cosa vuole dire che crescere al Milano3 Basket.

Passione – Per il numero 14 biancorosso non è stato difficile appassionarsi a questo sport, poiché entrambi i genitori appartenevano al mondo del basket: “Mi sono avvicinato alla pallacanestro grazie ai miei genitori. Mio papà faceva l’arbitro a buoni livelli, mentre mia mamma era ufficiale di campo in A1. Fin da bambino sono cresciuto sul parquet ed ogni weekend seguivo la mia famiglia sui vari campi: ogni volta che avevo la possibilità di giocare, non mi tiravo indietro. Non potevo non innamorarmi di questo bellissimo sport, anche se devo dire che mi interesso molto anche di altre discipline.
Il ricordo che custodisco in particolare risale a quando seguivo mia mamma sui campi e avevo la possibilità di tirare a canestro con i giocatori di serie A che mi passavano i palloni.
Micheal Jordan e i suoi Chicago Bulls sono stati i principali motivi di questa mia passione. Ricordo ancora che all’età di 7-8 anni guardavo le partite di notte…erano emozioni uniche”.

Il sogno – Marco Colombo, detto “Colo”, non hai mai avuto dubbi su cosa volesse fare da grande: “A 12 anni, alla domanda “cosa vuoi fare da grande?” Io ho sempre risposto: il giocatore di basket. Noto con dispiacere che al giorno d’oggi i bambini che vogliono diventare giocatori professionisti sono davvero pochi. Il mio sogno è sempre stato quello e fino ad un anno fa ci ho sperato. Ho avuto la fortuna di provarci quando ho giocato in C2 con Milano3 e contemporaneamente in A2 con Pavia. Con la compagine pavesina mi allenavo la mattina e pomeriggio, poi venivo alla sera qui a Milano3 per allenarmi con la C.
Purtroppo non c’è stata la possibilità di fare il doppio tesseramento, ma se ripenso a quell’annata ho un po’ il magone perché sarebbe stato qualcosa di straordinario”.

Squadre del cuore e idoli – L’ala biancorossa svela quali sono i colori del suo cuore e chi sono i suoi “eroi” della palla a spicchi: “Le squadre a cui sono più legato da tifoso sono la Benetton Treviso e Brindisi. Da bambino, quando ero alle elementari, rimanevo a casa per vedere le repliche su Telepiù delle partite della squadra trevigiana, facendo finta di stare male. Sono anche tifoso della Happy Casa Brindisi viste le mie origini familiari. Abbiamo sempre seguito la squadra e quando hanno giocato in Lombardia siamo sempre andati in trasferta a seguirli.
L’idolo è difficile da individuare, per ogni momento della mia carriera ne ho avuto uno: da Michel Jordan, Henry Williams, Ramunas Siskauskas, Andrea Bargnani, arrivando a Manu Ginobili a cui sono davvero molto legato”.

Il numero 14 – Per Marco Colombo il numero di maglia ha una valenza particolare: “Ho scelto il 14 perché è lo stesso che ha indossato Henry Williams a Treviso, uno dei miei idoli”.

Milano3 – Il capitano dei “Massicci” ci racconta cosa rappresenta per lui vestire la canotta dello Sporting Milano3: “ E’ stato il mio salto di qualità. Dopo aver iniziato con il mini basket a Opera, paese nel quale sono cresciuto, ho giocato per 2-3 anni nelle giovanili dell’Ebro. Infine arriva la chiamata da Milano3, prima sotto la guida di coach Iacopo Pedrinelli e poi ora sotto quella di coach Sandro Pugliese. Entrambi hanno sempre dimostrato grande fiducia nei miei confronti e questo rappresenta per me uno momenti più belli della mia vita. La chiave del nostro successo è che viviamo la pallacanestro da professionisti, anche se poi abbiamo un lavoro normale”.

Lorenzo Lubrano

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi